private locali-nord
Romagna
Rimini
Antenna 3 a Rimini
Riporta il settimanale "Il Ponte" dell'11 dicembre 1977 come il ben noto presentatore Enzo Tortora della ben nota Antenna 3  di Legnano fosse sceso a Rimini per preparare una nuova tv locale che assieme ad altre sarebbero state interconnesse ad Antenna 3 mediante ponti radio, trasmettendo in nazionale parte del palinsesto e mantenendo locali le redazioni dei tg. I lavori fervevano in un capannone vicino alla Sacramora ma ... non se ne fece niente, e le cronache riportano come Antenna 3 fallì purtroppo l'occasione di diventare rete nazionale.
Antenna Blu
Da marzo 1988 sulle frequenze di Telerubicone, in quel momento con sede a Rimini in via Lince, la ripetizione di Antenna 1 di Modena viene rimpiazzata da quella di Telecentro di Bologna: il gruppo Te.Sa Tv, di cui fa parte anche TeleSanterno, dopo avere assorbito TeleCattolica e TeleGabbiano, ha acquistato anche questa emittente dalla tv modenese. Subito scompare lo spazio autonomo di TeleRubicone, e poco tempo dopo anche il logo.
Da fine 1988 su alcune frequenze di Telecentro al posto del logo della tv appare un gabbiano stilizzato (già apparso, più piccolo, sui canali di Telegabbiano dopo l'assorbimento in Te.Sa. Tv) con la scritta "ANTENNA BLU" sulle ali. La sede è a Cerasolo di Coriano, nella ex-sede di Telegabbiano
La nuova emittente Antenna Blu, una sorta di fusione tra TeleRubicone e TeleGabbiano, trasmette sugli Uhf 24 (non conosco la postazione)-29 (Montescudo)-35 (postazione ignota, ex-Telecattolica)-56 (Monte Pincio), se non anche altri, e si limita a ripetere Telecentro, tranne che il lunedì sera, quando alle 20,30 va in onda lo "Sport Time" che veniva trasmesso da Telerubicone, seguito alle 21,30 dalla partita di calcio del Rimini, entrambi con replica la domenica pomeriggio; il giovedì alle 20,30 invece è il turno del gioco "La campanella", proveniente da Telegabbiano. Verso l'estate 1989 il giovedì sera va invece in onda "Bersaglio mobile", salotto con politici locali.
Il 1° giugno 1989 sul 56 dal Pincio appare Retequattro, che ha acquistato la frequenza (prima di allora era diffusa da un debole 67, che ora viene spento permettendo l'accensione di Rai 3 E.R. da Covignano sulla medesima frequenza); Antenna Blu passa sul 61 (ex-TeleCattolica), mentre Telecentro si prende il 24.
Martedì 6 giugno parte "Il giaguaro", dibattito settimanale sponsorizzato da una omonima agenzia investigativa. Si notano poi comiche di Stanlio ed Ollio in prima serata mercoledì 7 e lunedì 19, continua "Bersaglio mobile", il sabato alle 18 le selezioni dello "Zecchino d'oro" (replica domenica alle 18,30).
Da lunedì 12 giugno tutti i giorni per mezz'ora "Un gelato al limone", varietà-vetrina di aziende presentato da Victor Fusco e da una ragazza. Lunedì 12 in seconda serata una intervista al sen.Giulio Andreotti fornita da Te.Sa.Tv.
Giovedì 22 giugno 1989: -.- collegamento con Telecentro; 14,00 Un gelato al limone; 14,30
collegamento con Telecentro; 20,00 collegamento con MTV; 21,00 Bersaglio Mobile; 22,30 Un gelato al limone (replica); 23,00 televendite;24,00  collegamento con Telecentro.
Venerdì 23 giugno 1989:
-.- collegamento con Telecentro; 14,00 Un gelato al limone; 14,30 collegamento con Telecentro; 19,00 Bersaglio mobile (replica); 20,30 collegamento con MTV; 22,30 televendite; 24,00 collegamento con Telecentro.
Domenica 9 giugno 1989:
-.- collegamento con Telecentro; 12,00 Un gelato al limone; 12,30 collegamento con Telecentro; 18,30 Selezioni regionali dello Zecchino d'oro; 19,30 collegamento con Telecentro.
Per un pò viene ritrasmessa anche la tv via satellite MTV.
Ma entro l’inizio del 1990 scompare tutto, e da inizio 1990 Antenna Blu entra nel circuito Azzurra Time (poi solo Azzurra), che fornisce film e telefilm. Non ci sono più le autoproduzioni precedenti, solo Azzurra dalle 14 alle 17,30 e dalle 20,30 alle 22,30 e la notte dalle 24 fino al mattino, e per il resto Telecentro, e forse qualche televendita trasmessa dalla tv di Cerasolo.
Il 18 giugno anche Telecentro entra in Azzurra, ed Antenna Blu si limita a ripetere la casa-madre, tranne la notte quando da Cerasolo ci si collega con Azzurra mentre Telecentro va per conto suo.
Nel frattempo, nell'agosto 1990, viene approvata la Legge Mammì sull'emittenza, ed Antenna Blu dovrebbe diventare una emittente vera e propria per poter presentare domanda ... ma la domanda non viene presentata. Arriva poi Retemia di Giorgio Mendella ad acquistare tutto, e da agosto 1990 Antenna Blu ripete la tv nazionale di Lucca. Poco tempo dopo scompare pure il logo: fine della corsa.

Una Antenna Blu riappare a sorpresa anni dopo, senza più il gabbiano nel simbolo, nel "mux" di Telesanterno dopo il passaggio alla tecnologia digitale nel 2010, con sede presumibilmente dentro quella dell'emittente bolognese, ma la programmazione è costituita da sole televendite, e dopo qualche tempo l'emittente viene risoppressa.
Il Fo Tv
Nel 1980, spiega il sig. Vincenzo Tullio, "gli editori de "Il Fò"" (periodico di annunci, N.d.R.) accesero un segnale su Rimini chiamato il Fò tv" ripetendo Telemilano 58, poi divenuta Canale 5, già ripetuta all'epoca, anche in zona, da Studio BZ.
Sede: Rimini, via del Porto 47; frequenze: Uhf 31-42-50 (Fonte: www.storiaradiotv.it).
Una pubblicità di Canale 5 del 1982 riportata dal Forum di "Scelta Tv" dà Studio BZ ed Il Fo Tv come associate a Canale 5.
Non so se Il Fo Tv sia stata assorbita dalla rete berlusconiana: a Rimini sul 31 da Montescudo troviamo Sestarete, mentre sul 42 da medesima postazione Telecentro, ma doveva essere in precedenza di Telesanterno; sul 50 da Monte San Paolo Italia 1. Può anche darsi che una o più delle frequenze dell'emittente non esistano più (negli anni '80 furono eliminati dei ripetitori privati posti nella Repubblica di San Marino).

Radio Rimini Tv
Il libro “Antenne riceventi e trasmittenti per radio, TV, CB, radioamatori e satelliti artificiali” di Giorgio Terenzi (Hoepli Editore, 1987) presenta una vecchia lista di tv locali, risalente probabilmente a fine anni 70, nella quale viene citata una Radio Rimini Tv sull'Uhf28.
Esisteva in città una Radio Rimini partita il  25 dicembre 1975 con sede a Rimini in via Vittime di guerra 7. I fondatori di "Radio-Rimini-Tv" sono il geometra Vincenzo Pupolizio (presidente) e Mimmo Rizzo (direttore); ci sono anche due giornalisti-pubblicisti, quattro d.j., un caposervizio dello sport e diversi collaboratori esterni, tra cui Glauco Cosmi, che conduceva le tavole rotonde politiche. Oltre alla musica si trasmettevano servizi giornalistici e radiocronache sportive. La radio respingeva l'accusa di pendere politicamente a sinistra e si proclamava comunque antifascista (Fonte: "Il Ponte" del 16 gennaio 1977 e 2 aprile 1978).
La tv sarà consistita in una telecamera all'interno dello studio della radio, così come altre radio fecero in quegli anni, oppure avrà avuto una programmazione autonoma. Ignoro la postazione del ripetitore sull'Uhf 28 e che fine abbia fatto la frequenza, così come la data di chiusura della tv; la prima incarnazione della radio fallisce nel 1982
Nel periodico "Radio Tv Dati"n.3 del 1981, sulla base dell'Indagine Istat del 1980, vengono riportati questi dati per Radio Rimini Tv: Canale: 28; via Vittime Civili di Guerra 8 Rimini; per il resto "l'emittente non ha fornito dati", ovverosia a fine 1980 forse aveva già chiuso i battenti.
Tele Radio Europa
Nella seconda metà degli anni ottanta notai, sull'elenco telefonico di Rimini, una "Tele Radio Europa-emittente televisiva", con sede in via Soardi (non ricordo il numero civico), ma oltre a quello non ne ho mai trovato traccia. In via Soardi vi fu anche una delle prime sedi di VGA Telerimini.
Rimini Tv
Per qualche tempo TeleRomagna aggiunge, al LCN192 di TeleRomagna Sport, il logo Rimini Tv, ma in seguito parte delle sedi dell'emittente verranno chiuse, compresa quella riminese.



punto di partenza  indice palinsesti storici     telericordi     Anacanapana